Melanzane rosse di Rotonda sott'olio

La melanzana rossa è una cultivar particolarissima (probabilmente importata dall'Africa del nord dai reduci delle guerre coloniali alla fine del XIX° secolo) prodotta nel comune lucano di Rotonda in provincia di Potenza. Questo ortaggio, il cui colore e la cui forma ricordano un pomodoro di qualità cuore di bue più che una melanzana, ha rischiato, in passato, di estinguersi, ma la sua valorizzazione e commercializzazione avvenuta grazie ad attenti agricoltori e ad alcuni enti locali, che ne hanno promosso la coltivazione, ha portato al riconoscimento del marchio DOP e del Presidio Slow Food. Qui di seguito vi propongo una ricetta originale per la preparazione sott'olio della melanzana rossa lucana.

Ingredienti per un vasetto
2/3 melanzane rosse di Rotonda
olio di semi
3 bicchieri di aceto di vino bianco
3 bicchieri di acqua
1 cucchiaio di sale
1 spicchio d'aglio (a piacere)
menta q.b.
peperoncino piccante q.b.

Preparazione
Lavare e ridurre a fettine le melanzane rosse, coprirle di sale fino e farle riposare per alcuni minuti. Versarle in una pentola e farle bollire per 2/3 minuti in 3 bicchieri di acqua, 3 bicchieri di aceto di vino bianco ed un cucchiaio di sale; scolarle con uno scolapasta, poi adagiarle su un panno e lasciarle asciugare per una nottata. L'indomani ripassarle e stringerle in tovaglioli di carta per asciugarle ben bene; metterle in un recipiente e condirle con olio di semi, menta e peperoncino piccante q.b., poi inserirle in un barattolo di vetro con uno spicchio d'aglio (a piacere) e coprire con olio di semi. Consumare entro pochi giorni.

Luoghi: Rotonda (Basilicata)

Marco

Phasellus facilisis convallis metus, ut imperdiet augue auctor nec. Duis at velit id augue lobortis porta. Sed varius, enim accumsan aliquam tincidunt, tortor urna vulputate quam, eget finibus urna est in augue.

3 commenti:

  1. La verdad es que yo no soy mucho de berenjena, pero así preparada se ve muy rica.
    Un besín.

    RispondiElimina
  2. rosse? Devono essere squisite, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  3. Che bello scoprire varietà poco conosciute..grazie per questo bel post!!
    Sara

    RispondiElimina